CDT

Carbohydrate-Deficient Transferrin, la transferrina desialata è un indicatore di consumo cronico di alcol.


Celiaca, malattia

Sindrome da malassorbimento causata dall’assunzione di cibi che contengono glutine (proteina presente nei cereali come grano, orzo, avena e segale).


Ceruloplasmina

La ceruloplasmina costituisce la forma di trasporto del rame nel sangue.


Cirrosi

Malattia del fegato caratterizzata da un grave e irreversibile sovvertimento delle cellule epatiche, legato a fenomeni di fibrosi e a formazione di noduli rigenerativi. Queste trasformazioni riducono le capacità funzionali del fegato e aumentano la pressione del sangue venoso portale proveniente dall’intestino. La malattia può essere complicata dalla formazione di varici esofago-gastriche, ascite, encefalopatia, epatocarcinoma.


Cirrosi biliare primitiva

Malattia caratterizzata da colestasi cronica. La causa è sconosciuta, e la malattia è spesso associata a disordini autoimmuni. Le fasi iniziali comprendono un’infiammazione cronica dei dotti biliari intra-epatici con la formazione di granulomi: man mano che progredisce la distruzione dei dotti biliari, l’infiammazione si estende al parenchima epatico. Questo processo induce una proliferazione disordinata dei dotti biliari e una fibrosi riparativa epatica. Seguono una progressiva trasformazione del fegato con diminuzione dell’infiammazione, fino alla cirrosi. Colpisce più spesso le donne dai 35 ai 60 anni di età: inizia con prurito, anche molti mesi prima dell’ittero; frequentemente si ha pigmentazione scura della cute ed epato-splenomegalia. Altri segni sono gli xantomi cutanei, gli xantelasmi, la steatorrea, l’osteomalacia e l’osteoporosi. Con il progredire della malattia possono comparire tutte le complicanze della cirrosi.


Colangite sclerosante primaria

Malattia caratterizzata da un processo infiammatorio che colpisce i dotti biliari, provocandone la sclerosi e l’ostruzione. Può essere isolata o associata a malattie infiammatorie intestinali (come la malattia di Crohn o la colite ulcerosa).


Colesterolo

È un grasso che si trova nelle membrane delle cellule e che è utilizzato dal nostro organismo anche per la produzione di ormoni steroidei e di acidi biliari. Viene in parte assunto con gli alimenti e in parte prodotto dall'organismo stesso.
Colesterolo-HDL
Le HDL, High Density Lipoprotein, sono lipoproteine ad alta densità che trasportano il colesterolo libero proveniente dai tessuti periferici verso le cellule epatiche. Svolgono quindi l’utile funzione di rimuovere il colesterolo in eccesso dalle arterie e inviarlo al fegato. Il colesterolo-HDL è considerato il colesterolo “buono”.


CPK

La creatinfosfochinasi è un enzima presente, in modo caratteristico ed elevato, nel muscolo scheletrico e cardiaco.


Crigler-Najjar, sindrome di

Malattia caratterizzata da iperbilirubinemia di tipo non coniugato, causata da mancanza dell’enzima glucuronil-transferasi (completa nel tipo I, incompleta nel tipo II), per cui si ha accumulo di bilirubina indiretta nel siero. È una malattia ereditaria e si manifesta in due forme I pazienti con malattia di tipo I presentano ittero grave e, se non sottoposti a trapianto di fegato (di cui rappresenta una delle indicazioni), in genere muoiono nel primo anno di vita. I pazienti con malattia di tipo II presentano ittero meno grave (con bilirubinemia inferiore a 20 mg/dL) e una prognosi generalmente favorevole.


Cushing, malattia di

Malattia provocata da un adenoma ipofisario secernente ACTH, Adreno-Cortico-Tropic-Hormone. Determina ipersurrenalismo e sintomi neurologici dovuti alla crescita dell’adenoma, in particolare cefalea e disturbi visivi, obesità, ipertensione arteriosa, irsutismo e disfunzioni sessuali.


Dermatomiosite

Processo infiammatorio localizzato alla pelle e ai muscoli scheletrici, dove si formano accumuli di cellule infiammatorie che portano alla distruzione dei tessuti. Spesso si manifesta in associazione ad altre malattie del connettivo (artrite reumatoide, sclerodermia); si può diagnosticare in associazione con neoplasie, specie nei soggetti anziani.


Dubin Johnson, sindrome di

Patologia che rientra nelle iperbilirubinemie di tipo coniugato. È ereditaria, benigna, causata da un difetto nella secrezione biliare della bilirubina coniugata. Presenta ittero con bilirubinemia coniugata compresa fra 5 e 15 mg/dL. È asintomatica: talora il fegato è aumentato di volume con lieve dolenzia. Il fegato, alla biopsia, presenta deposizione di un pigmento scuro. La prognosi è favorevole.


Share: